21 Giugno 2022

  • Moda

di Eleonora Gaspari

DITO Publishing

Il 25 Giugno nel creative space di Palazzo Studio, Martha Micali e Klim Kutsevskyy daranno vita a 'Pensare in carta' il laboratorio di DITO Publishing. Una giornata intensiva di confronto e sperimentazione, in cui i fondatori della casa editrice forniranno alcuni strumenti teorici sull’ecosistema del libro fotografico e altri pratici sullo sviluppo dei progetti editoriali di ambito visuale.

Study for the female body by Luca Baioni

Quando e come nasce la vostra realtà? Che origine ha il nome DITO?

KK: Io e Martha lavoriamo con le immagini e la carta, in molti sensi. DITO è nata in conseguenza di percorsi personali articolati che si sono intrecciati a un certo punto nell’idea di realizzare un libro d’artista a quattro mani. Questo libro ancora non esiste, nel frattempo esiste la casa editrice.

Study for the female body by Luca Baioni

Come si sviluppa il processo di creazione e produzione di un libro d'arte?

MM: Credo che il modo sia strettamente connesso alla persona che lo sta facendo e che dentro l’opera libro ci sia, come in altre, una collimazione di visioni, necessità, tecniche certe o abbozzate, delle scelte e delle casualità.

Study for the female body by Luca Baioni

Quali sono le difficoltà che una casa editrice indipendente come la vostra si trova a dover fronteggiare?

MM e KK: Volendo brutalmente sintetizzare: un mercato di settore poco consolidato sul territorio italiano, poche strutture di alto livello creativo e immaginativo con cui crescere e relazionarsi. In ampio raggio, un mercato culturale povero e in mano a pochi e istituzioni burocraticamente imbavagliate con cui è quasi impossibile costruire percorsi utili a creare cultura dell’immagine.

Study for the female body by Luca Baioni

Qual è il vostro rapporto con i social, e in generale come pensate influiscano nel mercato dell'editoria indipendente?

MM e KK: Il social è uno strumento come tanti altri, e cerchiamo di utilizzarlo per divulgare quello che facciamo. Aiuta con più velocità a raggiungere e a farci raggiungere da persone e cose. Per noi è stato molto importante nella fase di fondazione della casa editrice.

Study for the female body by Luca Baioni

Avete recentemente partecipato a "Raise Your Zine", primo festival di editoria fotografica indipendente a Napoli. Quanto sono importanti gli eventi di settore e quali sentite di suggerirci?

KK: Sono fondamentali e quasi sempre nascono da iniziative indipendenti. Creano quella rete di consapevolezza che appunto è necessario costruire e permettono di incontrare fotografi, artisti, editori, etc. Sono inoltre luoghi di vendita e dimostrano l’assoluta necessità di presenza per un mercato fatto di carta.

@dito.publishing

Cosa consigliereste ai giovani che si affacciano per la prima volta al mondo dell'editoria fotografica?

MM: Di comprare e guardare libri. Di ogni tipologia. Di cercare nel libro un oggetto del desiderio, di apprendere il suo ruolo nella vita della persona e della propria casa.

@dito.publishing

Il 25 Giugno avremo il piacere di ospitarvi nel nostro HQ dove avrà luogo "Pensare in carta", una giornata di Laboratorio teorico-pratico incentrato sull'ecosistema del libro fotografico e sullo sviluppo di progetti editoriali di ambito visuale. Quali sono gli obiettivi del Workshop?

MM: Ascoltarsi è l’obiettivo principale, raccontandosi di un desiderio condiviso, intorno al libro come spazio.

Abisso di Alessio Pellicoro

Progetti per il futuro?

KK: Vogliamo ampliare relazioni e sinergie e continuare a viaggiare in Italia  all’estero, per diffondere ciò che facciamo e non smettere di cercare nuovi stimoli osservando anche altre produzioni

FB
TW
IN
PI

21 Giugno 2022

  • Moda

di Eleonora Gaspari

INTERVISTE

Iscriviti alla nostra Newsletter

Inserisci il tuo indirizzo mail
e ricevi aggiornamenti ed offerte speciali.